giovedì 14 gennaio 2010

Chiamatemi Michael!

Ah, le gioie dell'avere un uomo che ti ricambia incondizionatamente...
Non devi più tarare il numero dei messaggi nè tanto meno badare all'ora degli stessi: scrivi quando ne hai voglia, e soprattutto sei sicura che agli stessi verrà data risposta soddisfacente e amorevole ("Fidanzato, ci troviamo in città quando hai finito di lavorare? A proposito, lo sai che ti amo tanto?". "Ok"). Puoi anche presentarti spettinata al mattino, tanto lui ti desidera e gli piaci lo stesso ("Cally, che cosa hai fatto a quei capelli? Sembri Pina Fantozzi con l'acconciatura 'schiaffo'... Ah ah ah!"). Puoi perfino permetterti di sbagliare a cucinare una cena, LUI non te lo farà mai pesare, preso com'è a guardarti negli occhi ("Amore, non ti preoccupare se hai scotto la verdura, è buona lo stesso... Per favore, però, mi passi un cucchiaio che con la forchetta non riesco a tirare su nulla?").
E poi, vuoi mettere svegliarti in piena notte e vedere questo uomo bellissimo, altissimo e profumatissimo (i superlativi sono guadagnati dal ricambiare in pieno l'amore) che dorme tutto raggomitolato al tuo fianco? Magari seminudo e con una spalla possente che sbuca dal piumone? Ahhhh, che gioia.
Peccato che Fidanzato quest'inverno soffra tremendamente il freddo: e se all'inizio fingeva caldo e veniva a letto in boxer, adesso ha miseramente ceduto, sfoderando il pigiamino. E poi dite di noi donne...
A dire il vero, ha resistito stoicamente fino a dicembre inoltrato: poi una sera mi ha chiesto scusa e si è presentato con una t-shirt bluette e dei pantaloni con disegnate delle moto. Un metro e novanta di marmitte, manubri e dintorni: un sogno erotico che si realizza.
Ok, a dire il vero io avevo addosso un pigiamino bianco con topolino stampato che si illumina nel buio (roba che se non lo sai rischi di morire di infarto), ma sono solo dettagli.
Ovviamente mi sono comportata da morosa educata: e mi sono sbellicata dalle risate.
Ma non era finita qui: ecco che si è presentata la seconda tragedia. Fidanzato si era infortunato un dito praticando il suo sport (certo, è pure sportivo, ah ah, io scelgo bene, eh...): quindi è arrivato con la pomatina e un guantino di cotone con cui imbrigliare la mano infortunata.
Dopo aver compiuto la medicazione, abbiamo guardato il risultato: un uomo meraviglioso con un pigiama con le moto e un guanto bianco. Il sogno erotico di ognuna.
Lui era divertito ma vagamente mortificato: "Chissà cosa racconterai alle tue amiche...".
Figurati, amore mio, ha aspettato una vita intera di andare a letto con Michael Jackson.
You are not alone, I'm here with you...

4 commenti:

Marti ha detto...

Questo è amore!

LA CONIGLIA ha detto...

tesoro i superlativi ci stanno tutti a prescindere dall'amore...specie l'issimo di 'altissimo'!!!
(sugli altri glisso che se no mi morsichi :)

emy insalatissime ha detto...

L'altro giorno mia sorella indossava lo stesso pigiama del mio ex, solo in versione fucsia. Quando l'ho vista m'è preso un infarto. Non perchè mi ricordava lui, ma perchè quella scritta HAPPY HOUR fosforescente mi ha fatto venire numerosi infarti notturni!! (E poi mi son sempre chiesta: Ma happy hour su un pigiama non sarà forse un doppio senso per far sembrare più sexy un pigiama osceno??? )

Baol ha detto...

Infortunio alla mano...

Sì...mo lo chiamano sport...

Allora io sono il campione del mondo

:D