lunedì 26 settembre 2011

Il genio della spesa

Quando io e la Mafy ci maceravamo nella singletudine e cercavamo di incontrare degli uomini dal cervello minimamente stabile (leggi “no meraviglie, no stitici sentimentali, no storti”), avevamo seguito il consiglio di un’amica che ci aveva suggerito il supermercato come luogo ideale di rimorchio, magari in orario da fine lavoro. Ovviamente risultato nullo, manco a dirlo: alla faccia delle statistiche.
Ma ecco che qualche giorno fa il destino ha voluto farci vedere che ci sbagliavamo.
Ore 11.00 (quindi orario sbagliatissimo per fare incontri interessanti, sempre secondo l’amica di cui sopra): la vostra Callista si aggira con aria assonnatissima per il suo supermercato di fiducia consultando la lista scritta da Fidanzato su un post it a forma di cuoricino (teneeeero).
Accanto al bancone dei biscotti mi imbatto in un giovinotto rasato, occhio scurissimo, abbronzatura che mi fa sospettare origini non propriamente trentine, fisico atletico e abbigliamento easy chic. Mi lancia un’occhiata del tipo “ciao bella biondona”, ma io fingo (complici gli occhiali da sole) di non aver visto e mi butto sulla scelta del caffè.
Lo ritrovo nella corsia delle patatine dopo tre minuti. Si ferma a parlare con un commesso e il suo accento mi conferma le origini meridionali, probabilmente sicule. Mi sorride mentre io prendo il pacco maxi di San Carlo rustiche (maledetto metabolismo veloce di Fidanzato…), e io rispondo con un sorrisino del tipo “sì, sei carino, ma io sono impegnata, CULOOOO”. Mi dirigo con passo svelto verso il banco del pane.
A questo punto il babbeo fa il giro inverso e me lo trovo davanti tra il banco dei grissini/snack salati/peccati mortali (carboidratiiii, vade retro) e quello dei sughi pronti. Io mi fermo per farlo passare, ma lui mi cede il passo; io ringrazio e lui coglie la palla al balzo: “Eh, sono cinque minuti che cerco il mio cestino, qualcuno deve avermelo portato via!”.
E certo, chi non resiste alla tentazione di portar via un cestino altrui che deve ancora essere pagato? Magari un regista sadico di Candid Camera…
Io rispondo stando sul vago: “Eh, sono cose che capitano… Ma se dovevi ancora pagare non è una gran perdita!”.
Lui, imperterrito: “Sì, ma non mi ricordo cosa ci avevo messo dentro!”.
Bravo, complimenti: già avevo il dubbio che fossi un tantino pirla, ora ne ho la certezza.
Io: “La prossima volta fatti la lista. Buona ricerca!”.
E me ne vado sculettando (perché da vera star so che l’uscita di scena è fondamentale) verso i surgelati, per poi mettermi diligentemente in cassa.
Ed ecco che il ciccino si ripresenta: “Ciao!”.
Vedo che in mano ha un cestino: “Ah, hai ritrovato la refurtiva?”.
Lui: “Come?”
Io: “La refurtiva… Il cestino rubato, era una battuta!”.
Lui: “Ah, sì, boh, è che qui è tutto grande e non si trova mai nulla…”.
Certo, tutto grande (almeno spero per te) tranne la tua capacità dialettica, tesorino.
Io: “Eh già, sono cose che capitano…”
Lui: “Vabbè, comunque grazie, eh, ciao…”.
Grazie? E di che? Mah…
Io: “Figurati… buona spesa!”.

Ora: passi che il manzo non fosse particolarmente sveglio né arguto nel dialogo, ma era un bel fanciullone. Perché quando eravamo single non ci è mai capitato nulla di più della vecchina che voleva passarci davanti al bancone degli affettati?

7 commenti:

ERIKA ha detto...

mi fate ricordare quanto sono fortunata a esser donna e accompagnata!
magari era un bel vedere, magari poteva essere anche uno stallone, una macchina da guerra.
ma solo usa e getta...
o no?..chi lo sa... io al supermercato trovo solo vecchie e turisti tedeschi
ho provato anche a cambiare supermercato, ma con risultati nulli!
ah no, questa la devo dire: un giorno ho visto tre ragazzi uno più bello dell'altro, ho pensato " DIO C'E'!" ma osservandoli meglio, ho notato che del gentil sesso non gliene fregava molto!
Quindi ok, vecchine imbranate, turisti tedeschi, e giovani virgulti poco interessanti.
ecco chi si trova da queste parti!

Bungler Butterfly ha detto...

E' la legge dei grandi numeri.
Purtroppo.

Mi sono fatta delle gran risate però ,passa a trovarmi! :)

Isabel ha detto...

devo andare di più a fare la spesa :)

*Shaina* ha detto...

E' sempre così...

Quando sei single non incontri mai nessuno che ti possa vagamente interessare (anche solo fisicamente)...

Poi non appena sei felice ed appagato ti si presentano mille opportunità...

Uff

LA CONIGLIA ha detto...

perchè è la legge di murphy amica!

Nora ha detto...

Perchè è sempre così Callista!!! Quando non si è a dieta non ti fila nessuno, quando ci si mette a stecchetto tutti che ti invitano a cena, ti offrono pasticcinitenerislurpnonmihavistonessuno e via cosssì!!! :D

ultimadecade ha detto...

A me sia da fidanzata che da single non mi caga mai nessuno :D Ma in genere sono sempre così innamorata o presa da qualcosa che riesco a non crucciarmene (si, come no).

La corsia delle patatine la trovo peccaminosa al punto giusto, ma se quella era una Coop non mi sarei sorpresa di leggere che ad irretire Mr Muscolo Bagni del Sud fosse stata una nonnina tutto pepe :D
Alla Coop tutto è possibile
in Esselunga ancora ancora c'è più rispetto dei ranghi
al Plenty devi chiedere la mano al padre direttamente

p.s. ho risolto il problema, ora posso commentare come una pazza :D
thanx