giovedì 17 giugno 2010

Aperitivo di ben ritrovati

Ehhhh, cosa sono quelle facce brutte? Credevate che le derelitte vi avessero abbandonato? Che bastasse un uomo per far chiudere il blog? Ma allora non ci conoscete affatto, cari lettori… Dopo un lungo periodo di pigrizia virtuale, siamo di nuovo qui, con rinnovate forze e nuova voglia di scrivere. Vedremo quanto durerà!
Per riabituarvi alle nostre mirabolanti ma (ahinoi) ormai scarse avventure, resoconto dell’aperitivo di ieri sera.
Protagonisti: le derelitte e i rispettivi fidanzati, Coinquilino e morosa, collega di Mafalda, coppia di amici con lei in dolce attesa.
Ore 6.30: il ritrovo. La derelitta Mafalda, organizzatrice dell’evento, sbaglia a comunicare il punto di ritrovo confondendo due negozi. Collega e Donna Gestante rimangono un quarto d’ora a chiedersi se il bar Sport con dentro tre ubriaconi molesti sia il posto giusto per un aperitivo minimal chic, prima di telefonare per chiedere lumi.
Ore 7.00: arrivano Coinquilino e la morosa. Dieci minuti dopo, l’attenzione di lei viene attirata da un avventore del locale che gioca con un pappagallo. Si alza in piedi e urla: “Amò, adesso vado lì e gli chiedo se posso tenere in mano l’uccello”. Ovazione della curva sud.
Ore 7.10: il suddetto pappagallo, riportato al tavolo da MdC (Morosa di Coinquilino), di agita a vedere tutta la gente. Prima urla un versaccio in faccia alle derelitte che si additano l’un l’altra dicendo “ce l’aveva con te”, poi scacazza sui pantaloni di MdC. Lei, offesa, riporta il volatile al suo trespolo e va in bagno, solo dopo aver sentenziato: “Amò, vado a pulirmi che non posso andare in giro cacata”. We love her.
Ore 7.40: Gesticolando in maniera inconsulta, Callista ribalta lo spritz addosso a Donna Gestante (che so che legge e mi perdonerà dell’orrido soprannome nonché del bagno forzato). Speriamo che la creatura sia femmina e che ciò la aiuti a reggere l’alcool meglio della scrivente.
Ore 8.00: Mafalda ordina il secondo giro modello Oktoberfest: “Noch einmal!”. Ciò provocherà orrende conseguenze sulla capacità di intendere e di volere delle convitate-
Ore 8.35: Dialogo tra Callista e Collega (momentaneamente lontana dal fidanzato che lavora nell’altro emisfero) di fronte al buffet dell’aperitivo. “Uh, la pizza!”. “Sì, quella molle, a me piacciono quando sono così molli”. “Sì, anche a me, da morire, che ti si impasta tutto in bocca”. Quando la finezza.

E voi vi chiederete a questo punto: ma non c’erano degli uomini al vostro tavolo? Sì, poveracci, ma erano troppo impegnati a mimetizzarsi con gli schienali delle sedie. Chissà come mai, poi… ;-)

9 commenti:

Anonimo ha detto...

Vi stavo dando per disperse!!!
Bentornate
Sara

takkiaspillo ha detto...

8-O
:-O
:-D

LA CONIGLIA ha detto...

ahahahahahahah siete sempre voi :)
Cavolo, coinquilino l'ha scelta proprio bene la fidanzata!!!

GIALLOSANMARINO ha detto...

ahahahahahahahahah vabbò ragà ma non si puòòòòòòò!!!!!!!!! Ma voi dovete pure capire che io stò in ufficio e non posso diventare paonazza e farmi venire i crampi allo stomaco per la risata soffocata!!!!!!! hihihihihhih
IO VI AMO!!!!!
Sere

usadifranci ha detto...

bentornate!!
ogni volta che vi leggo mi sembra di vedere le mie amiche ^^ go go!

GIALLOSANMARINO ha detto...

cito testualmente:"Amo' non puoi capire sono tornate le derelitte..... ti prego leggi il post !!! ahahahahah!!! mi sto a sentire maleeeee!!!!"
Dopo un simile invito potevo non venire????? SUBITO!!!! scusate il gioco di parole ma quando vi leggo queste sono le conseguenze!!!!! Grandissime!!!!!!_Mary

Baol ha detto...

Ma vi pare il modo?!!

C'è gente che si preoccupa qui!!!

Jackie ha detto...

Quel pappagallo malefico (ebbene si...conosco il famigerato bar di Trento di cui parlate) una volta mi ha scacazzato sul vestito... maledetto pennuto!

Mammamsterdam ha detto...

Il bello è che con voi, fidanzate o sigle, non ci si annoia mai.