venerdì 26 settembre 2008

Nessuno può mettere Baby in un angolo ...

La vacanza delle derelitte non è stata solo mare, sole, fare le splendide con la meraviglia, spiaggia, tintarella, fare le splendide con la meraviglia, sfida alle parole crociate e cenette spettacolari con il pesce appena pescato, fare le splendide con la meraviglia …
Ehhh no … quest’anno ci siamo date anche alla cultura.
Una delle tappe obbligate era Lecce. Volevamo vederla seriamente, girarla e godere di tutta la sua bellezza visto che, nelle nostre precedenti incursioni in terra pugliese, avevamo avuto l’occasione di andarci una vola sola e per giunta avendo come ciceroni Lex e il cugino che rispondevano alle nostre domande da turiste curiose con frasi del tipo “quella chiesa … è … Mmmm … una chiesa!”
Così quest’anno armate di guida e scarpe comode siamo arrivate a Lecce.
Certo … siamo arrivate con una tempistica tutta nordica. Ovvero abbiamo parcheggiato alle 14.50 in una città praticamente deserta. Il perché lo abbiamo capito quando, uscendo dalla nostra macchina in cui regnavano sovrane assolute la musica menosa e l’aria condizionata, siamo state investite da un caldo inquietante.
E ci è stato subito chiaro il perché a Lecce tutto (pure le chiese) apre dopo le 17.00.
Essendo ragazze coraggiose abbiamo cominciato il nostro tour fregandocene dei 40 gradi, camminando convinte (cercando l'ombra ovunque), scuotendo la nostra bionda chioma e fermandoci ogni 500 metri a comprare una bottiglietta d’acqua fresca e trangugiarla come due cammelli … bella immagine, vero?
Arriviamo nella piazza principale. Siamo ai piedi della colonna con Sant'Oronzo che osserviamo l’anfiteatro romano. Io mi diletto a fare millemila fotografie mentre Callista legge le note della guida che ci spiega la storia della piazza.
Un giovane con un cappello di paglia brutto brutto brutto si avvicina a noi, ci osserva, punta verso Cally e le dice: “scusa … cos’è quello?”
E’ fatto ad arena, ha gli spalti e un palco centrale e, soprattutto c’è un cartello davanti al tuo naso con scritto ANFITEATRO … cosa sarà mai???
C: “è l’anfiteatro”
UCCDPB (uomo con cappello di paglia brutto): “ahhh grazie … sentiiii … vedo che hai la guida … avete intenzione di visitare la città?”
Noooo … usiamo le pagine della guida per farci i filtrini per fumarci le canne … ma certo che facciamo il giro della città, idiota!
C: “sì, avevamo intenzione di visitare un po’ di cose”
In quel momento si avvicinano due ragazze e un ragazzo. Una delle due fanciulle, spettinatissima , vestita malissimo e con uno spiccato accento toscano dice “beh … allora veniamo con voi!”
Ma anche no! Cazzazzo volete da noi? Compratevi una guida e fatevi il vostro giretto …
C: “vabbè … se proprio volete!”
Ci si presenta.
Loro sono due coppie. Le due ragazze sono toscane, uno dei ragazzi milanesi e l’altro … boh … non lo abbiamo capito.
Iniziano a seguirci e a fare mille domande.
Cally risponde con una pazienza infinita. Io medito su come riuscire a perderli nei vicoletti della città.
Arriviamo alla piazza del duomo. Un colpo d’occhio fantastico … unico dettaglio a nostro svantaggio il fatto che la piazza e "chiusa". Duomo e palazzi circostanti sono disposti a semicerchio e c’è una sola apertura che funge da entrata e uscita. Uscita dove si sono messi i nostri 4 nuovi amici aspettando pazienti mentre noi tiravamo tardi facendo foto, guardando i dettagli della piazza, leggendo "attentamente" la guida nel vano tentativo di schiodarci di dosso le 4 piattole.

M: “amica … io quelli non li voglio addosso. La toscana mi ha già dato sui nervi. Se dice ancora una volta che Pisa è più bella di Lecce le lancio un infradito. Staccia a Pisa e non venire a rompere a me ... uff”
C: “lo so, lo so … quello senza cappello mi ha chiesto cosa faccio di lavoro. Gli ho risposto che sono un' insegnante e lui mi ha detto che avrò un sacco di tempo libero visto che le supplenze sono tutte in bilico quest’anno … volevo picchiarlo”
M: “bisogna trovare una soluzione”
C: “giusto”
M: “li uccidiamo e li facciamo a pezzettini mettendoli in sacchi di plastica neri”
C: “pensavo a qualche cosa di meno drastico … intanto avviciniamoci”

Arriviamo vicino al gruppetto e subito l’uomo con il cappello di paglia brutta comincia a dire “facciamo una foto con le trentatré trentine di trento”
Buahhhahahahah che simpatico … quasi quasi gli tiro una testata alla Zidane.
M: “anche no … sai, siamo timide!”
UCCDPB: “beh … allora fate una foto a tutti noi quattro assieme?” e dicendo questo si avvia verso Cally porgendole un cellulare.
Io faccio finta di perdermi nella lettura della guida quando la donna di Pisa mi urla: “ti lascio la mia macchina così ci fai una foto anche con questa”
Non faccio nemmeno in tempo a girarmi per risponderle che si avvicina a me dicendomi “ehi … tu, BABY … ce la fai questa foto o no?”
Baby?????? Mi hai chiamato Baby??? Solo Patrick Swayze può chiamare qualcuno Baby … cazzo!
M: “dammi questa macchina”
DDP (accorgendosi dell’occhiata di fuoco e del tono poco amichevole) “scusami ma non so come ti chiami … altrimenti ti chiamo Guess … come la marca della tua collana”
No, ma dico … sei imbecille???
M: “mi chiamo Mafalda. Ci siamo presentate non più di venti minuti fa. Inoltre io e lei ci chiamiamo uguali … non era difficile” e dicendo questo le strappo la macchinetta, tra le altre cose una di quelle usa e getta con la pellicola, dalle mani.
DDP “magari fanne due o tre da angolazioni diverse”
E chi sono??? Il tuo fotografo di nozze???
M “si, si … non ti preoccupare!”
Click … click … click …
M: “Fatto!”
UCCDPB: “bene … allora adesso si va a vedere l’ulivo secolare?”
C: “mah … noi andiamo a vedere la chiesa di S. Matteo”
UCCDPB: “mah … noi volevamo vedere l’ulivo…”
M: “bravi … ottima scelta!”
(silenzio imbarazzato da parte dell’uomo con il cappello di paglia brutto e del suo gruppetto)
C: “beh, allora … buon giro”
M: “buon divertimento”

E girando i tacchi, scuotendo i capelli e sculettando un po’ ci siamo allontanate.

M: “mamma mia che pesantezza …”
C: “uhhhh … insopportabili. Ma la tizia … ti ha chiamato baby?”
M: “si … ti rendi conto???? Baby!!!”
C: “da come l’hai guardata credevo che l’avresti attaccata alla giugulare!”
M: “volevo, infatti …”
C: “dai che alla fine sei buona d’animo … poi le hai fatto anche le foto”
M: “uhhh … certo … vedrai come sarà contenta quando andrà a svilupparle!”
C: “cos’hai combinato?”
M: “nulla … l’ho “casualmente” tagliata da tutte e tre le foto!”
C: “sei perfidaaaaa!”
M: “lo so!”
C: “è per quello che mi stai simpatica …”

9 commenti:

Fra ha detto...

Ma siete delle gran signore! Io li mandavo a culo dopo 10 secondi netti. COmunque la vendetta della foto è fantastica, io l'ho fatto con una antipaticissima signora romana...le ho tagliato la testa ;P
Un bacio e buon w/E
Fra

Pink ha detto...

Anche io li avrei mandati a quel paese dopo un millisecondo.
E per di più, avrei lanciato loro una scarpa, ma di quelle col tacco a spillo, così si sarebbe confiaccata meglio in un occhio o nel naso... ;)

Anonimo ha detto...

Io mi sto sempre più infatuando di voi.
Cris.

Baol ha detto...

Come ho già avuto modo di spiegarvi, da buone trentine non avevate avuto modo di fare la conoscenza di quel fenomeno tipico del sud, soprattutto pugliese, denominato "controra"; fenomeno per il quale dalle 14 alle 17 nei mesi estivi, qui da noi la gente sparisce.

Quanto all'immagine dei cammelli...beh, poi non dite che non devo farvi battute sulle "gobbe" :D






BABY

La Lunga ha detto...

guarda, io mi vergogno di essere conterranea di gente come quelle. ma d'altronde i pisani.. che ci vuoi fare! per fortuna che ci siamo noi livornesi!!! e comunque a lecce non ci sono mai stata ma a pisa, a parte paizza dei miracoli non c'è una cippa!

Piermatteo ha detto...

Altro che tagliarla fuori dalla foto... io l'avrei attaccata alla giugulare direttamente come si sono avvicinati a chiedere di fare il giro turistico assieme a voi!!!

Ma si può?!? Educazione pari a ZERO!!!!!

il musicante della brettìa ha detto...

Ebbene si, lo ammetto... E' un anno che vi leggo di nascosto!!! Derelitte vi adorooooo!!!

p.s. Lecce è bellissima...

Luce ha detto...

Grandiose!!!!
Il vostro blog è davvero fantastico!
Lo aggiungerò tra i miei favourite link...;-D!!che risate!
ps: anch'io concordo..li avrei mandati a quel paese prima di subito!!!
ciao ciao

Pupottina ha detto...

da Dirty Dancing alle derelitte!!!

uuuuuuuh

ciaoooooooooo

^_____________^