venerdì 2 ottobre 2009

La salsiccia della felicità ...

L'altro giorno la vostra Callista è andata a fare un giretto alla manifestazione "Autunno trentino".
Per coloro che non sono della zona, trattasi di due fine settimana in cui per le vie di Trento si trovano stand, punti ristoro e angoli di cucina tipica: ovviamente appuntamento irrinunciabile per me che sono golosa come non mai.
Dopo aver assaggiato l'impossibile, la mia scelta di acquisto si è fermata su una crema di radicchio per accompagnare i formaggi, una bottiglia di sciroppo di sambuco e una ottima lucanica della val di Fiemme.
O meglio, la mia scelta si sarebbe fermata sulla lucanica.
C: Salve, gioioso ristoratore nonchè produttore di speck e affini, mi darebbe per favore una lucanica di questa che ho assaggiato?
GRNPDSEA: Orca boia, l'ho finida (tradotto dal trentino "Acciderbolina, l'ho terminata").
C: Ohibò. E quindi?
GRNPDSEA: G'ho quella de caora ("Ho quella di capra")
C: Eh, no, la capra non la digerisco.
GRNPDSEA: Allora g'ho el salamin ("Allora ho il salamino").
E mi mostra un salsicciotto stagionato piegato a U, dimensione circa 25 centimetri. Mi fa assaggiare la delizia, mi convince e la prendo. L'omino si gira e toglie dalla parete un salsicciotto, ma non piegato a U: tutto bello dritto e quindi lungo circa 50 centimetri.
Io non penso all'osceno paragone, presa come sono dall'euforia dell'acquisto. L'uomo mi incarta l'attrezzo e io lo infilo in borsetta: poi me ne vado felice e garrula in giro per Trento a finire il mio shopping.
Ora, non può una ragazza andare in giro con una cosa di forma vagamente fallica in borsa? Pare assolutamente di no: nel giro di 20 minuti ho collezionato una serie infinita di sguardi interrogativi nella direzione della borsa, tre gomitatine tra amici condite da risate e battute che per fortuna non sono riuscita a cogliere e un "Bionda, complimenti!".
Alla faccia della discrezione dei trentini.Ho risolto il problema piegando il salsicciotto a metà e occultandolo nelle profondità della borsa: mangiarlo tutto sul posto mi pareva eccessivo per il mio povero fegato.
Per fortuna non ho comprato una baguette, sennò mi si riempiva tutto di briciole.

5 commenti:

Fra ha detto...

questa gente maliziosa...e per fortuna che non avevi con te anche due panini vagamente rotondeggianti :D
Un bacione
fra

Grace Duck ha detto...

AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH.......ah ehm ke volevo dire?? ah sì: AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH XD suvvia non te la prendere, al tuo posto avrei sorriso ai cari molestatori e avrei scosso i capelli XD

Baol ha detto...

Ho letto il titolo del post sul reader ed ho subito pensato:

"cazzo stanno sputtanando i nostri incontri segreti!"




Ragazze, perdonatemi, non ce l'ho fatta a trattenere la battuta


:D

Marti ha detto...

Evvai le trentine! E di conseguenza i trentini con le gomitate mimez!
conterranee care, qui a Bruxelles girano delle baguettes-azze che basta della metà... Ve ne mando una da farcire con il salame della gioia? :-) BAcioni

eppifemili ha detto...

ahahhahaahahahahhahahahh!!!