lunedì 29 marzo 2010

Trentini e pubblicità ...

Cari amici,
oggi lettera aperta.
Per favore, sosteneteci. Vogliamo aprire un dibattito sui cliché esistenti a proposito del trentino medio.
A voi, cari lettori, che ci leggete da un po' tutta l'Italia cosa viene in mente se vi diciamo“Trentino”?
Siamo sicure che le risposte più gettonate e frequenti saranno polenta, tedesco, neve, mele, orso, Trieste (ma solo per i ripetenti in storia moderna che sono convinti dell’esistenza di un ponte che colleghi le due città irredente), alpini e grappa. Che gran bella pubblicità. Praticamente siamo degli esseri perfettamente bilingui che vivono in una baita (ragione per la quale dovremmo essere sempre abbronzantissimi, ma col segno degli occhiali da sci), abbiamo un orso come animale da compagnia, ci vestiamo solo in loden tempestato di stelle alpine, intingiamo la polenta nella grappa mentre cantiamo “quel mazzolin di fiori” e abbiamo Heidi come vicina di casa, il che ci permette di fare il tiro al bersaglio con le mele alle sue caprette (che salutano sempre e solo lei, ‘ste maleducate). Sono soddisfazioni.
Vi sveliamo un segreto ... non è così!!! Ma in fondo voi ci conoscete anche (o meglio, solo) grazie alla pubblicità dei nostri prodotti tipici, che non aiutano certo a scardinare gli stereotipi.
Prendiamo ad esempio la regina dell’esportazione trentina, ossia la mela: in una pubblicità un albero gigantesco ballonzola felice, come se abitassimo nella foresta del Signore degli Anelli. Inquietante: e inoltre ciò avvalora il pensiero che noi trentini siamo ubriachi tutto il giorno, visto che vediamo muoversi le piante.
In un altro spot, una bella gnocca pedala felice per i meleti della Val di Non e l’unica preoccupazione del coltivatore è che la mela - che lei ha rubato - abbia il bollino: tanto per cominciare provate voi a pedalare per i frutteti, che manco Moser lo saprebbe fare, ma soprattutto il gioioso contadino noneso (che notoriamente non è particolarmente generoso - noneso sta a Trentino come genovese sta a Italia) il bollino te lo tatua in fronte, se provi a toccare una mela: ma con un randello. Altro che isola felice di bucolica serenità dove tutti sono belli, buoni, facili e sani come la Polenta Valsugana (e su questo non aggiungiamo altro, perché è come sparare sulla Croce Rossa).
Nell’ultima pubblicità, poi, una biondissima fanciulla addenta una mela sulle note di «varda che passa la villanella, os’ce che bella la fa ‘namorar». Che scelta raffinata: non che Giovanni Allevi ci facesse proprio schifo, ma già che ci siamo tanto valeva optare per qualcosa tipo «Gobo so pare, goba so mare, goba la fiola de so’ sorella…”: almeno passavamo per simpatici burloni goliardi.
Quindi volevamo dire ai pubblicitari di venire a fare un giro in Trentino prima di partorire questi capolavori del marketing: parlate con la gente comune, chiedete loro un’opinione sulle vostre idee geniali. Sarà anche vero che i trentini sono riservati e schivi: ma un caldo e affettuoso «vaffanculo» in questo caso non ve lo rifiuterebbero. Ovviamente offrendovi un bicchierino di grappa.

P.S. Ovviamente la regione trentino vi aspetta a braccia aperte per le prossime vacanze pasquali ... :-)


9 commenti:

Anonimo ha detto...

io il trentino nn lo conosco affatto (sono di giù, pugliese!!!)...
ma il solo fatto che ci siete voi la rende, nel mio immaginario geografico, una delle regioni più attraenti e strafiiiiiighe dello stivale...

dico sul serio,
ale80

LA CONIGLIA ha detto...

ma smettetela, ora vi sbugiardo io che ho dormito nelle vostre magioni!
le case sono tutte di legno, girate vestite con gonnelloni pieni di stelle alpine e coi calzettoni, gli uomini hanno i pantaloncini anche in pieno inverno e le mele e la grappa sono la vostra ragione di vita!
Esattamente come io giro in bikini tutto l'anno, mangio solo maialetto arrosto e bevo mirto manco fosse acqua... ;)

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

Voi siete donne di città.
Ma io frequento il Trentino montano e devo dire che certi cliché sono dati di fatto. Soprattutto la grappa (bleahhh) a fiumi e la polenta (buonaaaa) a palate.

Anonimo ha detto...

Regione Trentino??????????????????

Baol ha detto...

Ed io che, in questi anni, ho sempre pensato che trentino fosse uno di trentanni

Mammamsterdam ha detto...

Io dei trentini so solo due cose:
1) che hanno ricostruito le casette a Onna
2) che sono stati i primi a filarsi il mio libro (prima di leggerlo, che magari spiega un po' di cose) e farmi fare la presentazione da rileggo.

Il che francamente mi basta e mi avanza per ora.

Ah, già i canederli, me li stavo dimenticando.

Q.I.-QUEENICE ha detto...

vorrei dire che il calendario è fermo a febbraio, manca marzo e siamo ad aprile!!! buona pasqua mie fighissime derelitte!!! smak

Anonimo ha detto...

BUONA PASQUA!!!
Sara

Dada ha detto...

sentite...voi due mi volete fare morire dal ridere!!!
anche se non siete foodblogger vi ho asseganto un BBAward, spero che sia un piacere e non una scocciatura :-)
io adoro il Trentino!