martedì 22 settembre 2009

Ah, scella...

L’altro ieri la vostra Cally era, come accade un po’ troppo frequentemente negli ultimi tempi, a letto con la sua meraviglia. Mi stupisco pure io di tanta inaspettata e immeritata fortuna: infatti per sicurezza e come precauzione sto sempre con la testa rivolta verso l’alto (giusto per controllare che un meteorite non mi frantumi il cranio) e con una mano sul culo, che non si sa mai (sempre perchè sono raffinata, no?).

Ma torniamo a noi e ricreiamo la scena: Callista bella, magrissima, abbronzata e sexy (e che me frega, tanto voi non c’eravate, dovete credermi sulla parola) e la meraviglia a fianco, girata a pancia in su che guarda il soffitto.

A un certo punto l’uomo rompe il silenzio:

LUI: Cally, posso chiederti di fare una cosa?



Guardando il suo occhietto malizioso e il contesto, come dire, orizzontale, ho iniziato a immaginare le peggiori cose: tipo «ti vesti da Wonder Woman e ti getti dall’armadio?» oppure «Posso infilarti qualsiasi cosa in qualsiasi pertugio?».

Ma una vera derelitta non si scoraggia di fronte a nulla: e meno che mai osa contraddire la meraviglia. Come insegna Mafalda, si inclina la testolina, si sbattono gli occhioni e si risponde:

«Dimmi, meraviglia mia, cosa vuoi?»



LUI: Mi gratti le ascelle?



Inutile dire che non ho resistito a cotanta sensualità: infatti sono rotolata giù dal letto a forza di ridere.



LUI: Ma Cally, cosa ridi?

C: Ti pare? Non puoi chiedere a una donna di grattarti le ascelle!

LUI: Ma io intendevo i grattini qui sul fianco… Fino su al braccio…

C: Appunto! Non si può né sentire né fare!

LUI: Ma mi piaceeee…



Inutile dire come è andata a finire la cosa: LUI con le braccia sollevate a gongolare e io a grattare. Unico neo? Il deodorante della Dove, quello roll-on, non va molto d’accordo con la french manicure appena fatta: praticamente, per non so quale reazione chimica, la corrode (il che apre singolari interrogativi sulla sua composizione, ma tanto io uso quello spray, ah ah ah).

Per il resto, speriamo sia l’unica parte pelosa che mi toccherà grattare: testa esclusa, ovviamente.

10 commenti:

la volpe ha detto...

E' un rituale che ha un non so che di ancestrale....primordiale oserei!
Hai presente le scimmie quando si spulciano?
Ma dove c'e' gusto non vi è perdenza, quindi vai di grattini a piu' non posso. Saprà pure ricompensare la meraviglia!!

CHARLIEGOLF ha detto...

Bè non ti è capitato il meteorite in testa ma ci sei andata molto vicina...

lindöz ha detto...

Aaaaaaaaaaargh!! O_O

mina ha detto...

sono sicura che poi alla fine a meraviglia avrà dato la giusta ricompensa!!!

LA CONIGLIA ha detto...

no, non ce la faccio...sono piegata in due dalle risate!!!

Mammamsterdam ha detto...

Fantastico. Ma riparliamone fra 10 anni.

S.B. ha detto...

Depilarlo SUBITO!! :-)

Fra ha detto...

che dolceeeee i grattini!!! ;P
Un bacio
fra

Grace Duck ha detto...

HAHAHAHAHAHA dai Cally consolati...è come se fossi a letto con una meraviglia salentina!! La grattata di ascelle, così come altre stranezze, sono comportamenti tipici salentini, perciò deduco che la tua sia una meraviglia CALIENTE!!! XD

Gatadaplar ha detto...

oddio.... le ascelle no... ma guarda, garantisco, è peggio se ti chiede di grattargli i piedi.... :*DDDDD