mercoledì 9 luglio 2008

Trento - Creta andata e ritorno

Cari amici,

la vostra Callista è tornata: ha un bellissimo color Oro Saiwa e i capelli dorati dal sole e dalla salsedine. In compenso, in una settimana si è mangiata tutto il mangiabile e non ha ancora avuto il coraggio di salire sulla bilancia: prega che la premiata ditta “iodio+lunghe passeggiate” (a rischio di morte, visto che la spiaggia su cui si trovava era di ciottoli) abbia compiuto il miracolo contro l’anonima “moussaka+dolcini greci+feta”. Vi saprò dire.

Solo per voi, intanto, ecco la cronaca di una settimana di vacanza coi genitori.

Martedì 1 luglio

Si parte. Il telepass di Callista si ammutina: cominciamo bene. Prendiamo il bigliettino e via. Il viaggio scorre tranquillo finché papà Callisti, all’uscita, chiude per sbaglio il finestrino sul naso del casellante, che bussa sul vetro per dargli il resto: una scena pietosa. Papà Callisti, in preda all’agitazione, abbassa tutti e quattro i finestrini e ripartiamo col vento tra i capelli e mamma che si lamenta. In preda alla fregola, il padre infila due uscite sbagliate di seguito: io inizio a temere per il resto della vacanza, ma faccio finta di niente. Miracolosamente, arriviamo in aeroporto e in men che non si dica siamo a Creta in uno splendido villaggio.

Mercoledì 2 luglio

Mamma Callisti si spalma la crema solare in maniera balorda e la sera è un tripudio di strisce paonazze. Papà Callisti, a cena, riesce a farsi rimanere in mano il rubinetto della botticella di ouzo che troneggia fuori dalla sala ristorante e inonda mezzo pavimento. Io mi mimetizzo con la colonna dorica che adorna la hall del villaggio. Sono passate solo 24 ore.

Giovedì 3 luglio

Passeggiare in spiaggia è impossibile per via dei ciottoli dolorosissimi che adornano il bagnasciuga. È un impresa da fachiri anche con le scarpette di gomma. Alla fine cediamo e ci compriamo delle oscene calzature in tela con la suola: del mio numero esistono solo color fucsia fastidio con finiture blu e gialle. Inutile dire che prima di arrivare alla spiaggia del villaggio le facevo sparire e soffrivo come un cane: meglio apparire zoppa che priva di gusto.

Venerdì 4 luglio

Papà Callisti e mamma Callisti si ribaltano in rapida successione dalla sdraio causa errato posizionamento. Io mi nascondo nella base nautica e inizio a capire che i geni casinisti che mi ritrovo hanno un’origine ben precisa. Probabilmente per punizione, a mezzogiorno mi inciampo con l’infradito nell’inesistente scalino che porta al bar della piscina, restando in piedi con un colpo di reni che manco Zorba il greco. Alla sera ho un dito come un melone, ma lo ingabbio nei sandali e scuoto i capelli, riuscendo perfino a ballare. La sofferenza fortifica l’animo.

Sabato 5 luglio

Serata greca. Il padre cammina distratto per la sala ristorante e mi tampona mentre porto due bicchieri d’acqua. Me ne rovescio addosso metà e mi inondo i sandali: per tutta la sera slitterò fuori dai miei preziosi calzari tacco 10 rischiando di spelarmi le dita (per altro già compromesse) sul selciato. Ma a che cazzo servono gli animatori? Assumete la famiglia Callisti.

Domenica 6 luglio

Mi viene il cagotto.

Lunedì 7 luglio

Ultimo giorno: mi rosolo in spiaggia come un calamaro. Mentre leggo uno dei miei innumerevoli libri, mi si avvicina l’animatore broccolone (e francamente orrendo) che mi sussurra in un orecchio: «Senti, ti va di fare una passeggiata stasera?». Io alzo appena l’occhio dalla pagina e rispondo garbatamente: «Fai prima a chiedermi se mi va di farmi dare due colpi, no?». Lui resta a bocca spalancata e io mi giro per abbronzarmi le chiappe. Callista uno – broccolone zero.

Martedì 8 luglio

Si riparte. L’animatore broccolone mi gira al largo come se fossi appestata: in compenso mi ritrovo in mano la mail di un altro. Ora, la domanda è questa: MA SEI LESO DI CERVELLO? Cosa me ne faccio della mail? Ti scrivo romantiche lettere quando in tutta la settimana ti sei tenuto a debita distanza che manco fossi la madonna di Pompei? Non facevi prima a rimorchiarmi a inizio vacanza che almeno (forse) mi divertivo e poi avevo qualcosa da scriverti? Se qualcuno ha la soluzione a questo enigma, è pregato di aiutarmi.

Callista è tornata, più abbronzata che mai. E ora scusate, devo spalmarmi il doposole per evitare di squamarmi prematuramente.

13 commenti:

Petit chocolat belge ha detto...

Ben tornataaaaaaaaa!!

Ma veramente hai risposto così all'animatore?? Ne hai di coraggio..

Che tempo fa a tn? Qui sembra ottobre.........

Callista ha detto...

@petit: Grazieeee...
Ovvio che ho risposto così, mica me le invento le cose! ;-)
Il tempo è gradevole, oggi, non troppo caldo: ma non promette granchè di buono. Da quand'è che ti interessi al meteo???
bacino

max-buck-office ha detto...

Ne ho viste di peggio di scenette. Poveri genitori, sempre presi di mira. Il racconto , comunque, è fluido e divertente.
Ciao cucù ...

MaBe ha detto...

Cally... sei un mito.
Nulla più. Ah sì.. BENTORNATISSIMAAAAAA!!!!!!
sbaciuz!

paul ha detto...

grandissima! ottima risposta..tanto valeva essere espliciti!

ben tornata!

Master of Fouls ha detto...

...ihihih...

forse il secondo animatore sapeva che sei avvezza all'uso dei mezzi telematici...mmm...

MoF

p.s. povera bilancia...

Pinkpinkpink ha detto...

Ben tornata!
Mi hai fatto morire con questo resoconto ahahahahah

Pink

La Lunga ha detto...

intanto ben tornata!
ehm, dì a mamma callisti che l'abbronzatura a righe non va più, meglio quella a palle (vedi un mio post di qualche giorno fà). e poi voglio assolutamente la foto delle scarpe che ti sei presa per camminare sulla spiaggia e già che ci sei se fosse possibile la faccia del broccolone mentre gli dicevi in quel modo!! :D

Baol ha detto...

Quindi so già la prima domanda da fare alla derelitta...che avete capito? Intendo "ti fanno male i piedi?" :D

Apprendista della vita ha detto...

ahahah bellissimo il vostro blog.. L'ho scoperto da poco, ma già me lo sono letto quasi tutto :-) Veramente esiralanti.. trasformate i momenti tragici di ogni ragazza (spesso derelitta) in comiche stupende.. :-))

Apprendista della vita ha detto...

ehmmm sorry intendevo esilaranti.. :-)

Pappina ha detto...

Cally m'hai fatto morire!!!!! vsai in vacanza più spesso, però sempre con i tuoi, mi raccomando.

Andrea ha detto...

Ammazza che acidona con l' animatore.
Dire un semplice " No, Grazie" sembrava brutto ?
Se il mondo vi fa culo, non chiedetevi il perche' .