venerdì 31 luglio 2009

L'altoforno

L’altra sera la vostra Callista era a casa della sua meraviglia: iniziate pure a sparare petardini e miccette per festeggiare. A un certo punto, colto da un attacco di meraviglite acuta (quella da cui poi non ti riprendi più), l’uomo ha chiesto alla suddetta Callista di fermarsi a dormire. Ussignur. Qui bisogna sparare un fuoco artificiale serio.
Vuoi vedere che sta rinsavendo? Vuoi vedere che l’estate gli fa bene? Vuoi vedere che il mio sogno di passeggino con due gemelli, anello di brillanti e pellicciotto alla J-Lo (ok, è un sogno un po’ tamarro, ma ogni tanto ci sta) non è ancora da buttare nel gabinetto? Ma modero le scene di gioia: scuoto i capelli con grazia, sbatto gli occhi (come insegna la Mafy) e accetto: «Ma sì, dai, ti faccio compagnia…».
Grazie al cielo mi ero perfettamente depilata al mattino.
Dopo i consueti rituali di accoppiamento (la poesia è il mio forte, oggi), ci mettiamo a chiacchierare sul letto, con le finestre aperte. Entra una brezza meravigliosa. Dopo cinque minuti gli occhi mi si chiudono e sento LUI che mi dice: «Vabbè, Cally, ti lascio dormire che sei stanca». Grazie, meraviglia, grazie. Ma ecco che (ORRORE), LUI si alza e va a sigillare persiane e porta: «Mi dà fastidio la luce, sennò non riesco a dormire». Temo già che la stanza si trasformerà a breve in un altoforno, ma sia mai che io contraddica la meraviglia. E poi sono stanca mort… Zzzzzzzz…
Alle due e dieci mi sveglio in preda a un caldo mai sentito. Sono in ebollizione. Tento di spostarmi al centro del letto, ma la meraviglia dorme a stella marina peggio della Coniglia. Provo a rimanere immobile, ripetendomi come un mantra «Non fa caldo, non fa caldo, non fa caldo». Ma vaffanculo anche al pensiero positivo, fa caldo eccome. Decido di alzarmi in punta di piedi e di andare a prendere aria.
Problema: in questa camera mi oriento malissimo e, soprattutto, non vedo una sega. Risolvo accendendo il cellulare che mi illuminerà il cammino: piano piano scendo dal letto, mi faccio luce con il telefono e mi avvio verso la porta. Che brava che sono, LUI dorme placido e tranquillo e non si è accorto di nulla. Prendo la maniglia, abbasso e tiro: ed ecco che la porta fa resistenza e emette un gemito atroce. Maledizione ai pavimenti vecchi… In quella mi cade di mano il cellulare, che si schianta al suolo facendo un casino del diavolo. Mi paralizzo e guardo la meraviglia: che si gira appena appena su un fianco (tipo elefante che si rotola nel fango). Ce l’ho fatta, non si è svegliato nonostante il rumore. Io esco di soppiatto e vado in bagno, dove mi siedo sul coperchio del wc, spalanco la finestra e resto a godermi 5 minuti di fresca notte trentina.
Poi ritorno in stanza. E mi accoglie un muro di aria bollente. Provo a rimettermi a letto, ma niente, mi sembra di morire: decido di uscire ancora. Stavolta niente cellulare, visto l’esito deprimente della prima spedizione. Vado a tentoni. Mi sposto rasentando l’armadio in modo da non spantazzarmi (verbo trentino che significa «spiaccicarmi») sul letto per non disturbare il sacro sonno dell’uomo. Ce l’ho quasi fatta: ma ho fatto i conti senza l’altezza della meraviglia e al suo modo balordo di dormire. Un metro e novanta di uomo sporgono dovunque: e infatti, appena giro l’angolo del letto mi impiglio nel suo piede. LUI grugnisce e si rigira, io soffoco un’imprecazione e vado verso la porta. Altro gemito del legno e in due secondi sono sul poggiolo: oddio che gioia. Ci resto una decina di minuti, poi rischio di addormentarmi lì: e farmi trovare al mattino rotolata giù dalla sdraietta con la testa poggiata sul bidoncino dell’umido mi pare poco grazioso. Faccio l’ultimo tentativo e mi dirigo ancora una volta verso il letto: e trovo una fonderia.
A questo punto non mi stendo nemmeno: mi siedo sconsolata. La meraviglia deve essere di amianto, perché dorme felice e placida e ha la pelle fresca fresca: una salamandra. E io, evidentemente, devo essere in menopausa. Non ho scelta, devo alzare le tapparelle. Appena alzo il mio dolce peso dal materasso, LUI mi chiama: «Cally, non stai bene che sono due ore che vai avanti e indietro?».
Primo pensiero: ma vaffanculo, io sto cercando di fare Arsenio Lupin per non svegliarti e tu solo adesso ti degni di rivolgermi la parola? Mi risparmiavi venti minuti di maldestri tentativi, pirla.
Secondo pensiero: se veramente fossi stata male, potevi anche farti venire il dubbio prima, che nel frattempo potevo anche morire, cretino.
Ovviamente cosa può aver detto la vostra Cally di tutto ciò? «Ma no, non preoccuparti, ho solo caldo. Anzi, scusa se ti ho svegliato».
Se una è derelitta, lo è fino in fondo, no?
LUI è stato magnanimo: «Ma apri la tapparella… Potevamo lasciarla su anche ieri sera se mi dicevi che avevi caldo».
Ma immenso somaro, prima di dormire ti sei alzato e mi hai sigillato in un bunker antiatomico dicendo che ti dà fastidio la luce, secondo te io oso contraddirti? Eh? Ti ricordo che sei l’uomo che io vorrei sposare e con cui vorrei fare ottocento figli, se solo non fossi uno stiticone sentimentale: secondo te per una volta che mi fai fare da fidanzata vera io mi permetto di contraddire la tua volontà? Su delle tapparelle? Ahahah.
Ovviamente ho risposto in questo modo: «Davvero? Grazie… Ma se ti do noia la luce, svegliami che le chiudo».
Tempo tre secondi e, grazie alla brezza notturna, russavo elegantemente stravaccata a pancia in su.
La mattina dopo, mentre facevamo colazione, l’uomo ha anche osato dirmi che aveva dormito proprio bene, con l’aria fresca che entrava dalle tapparelle alzate: «Anzi, Cally, la prossima volta che dormi qui lasciamo tutto su, così sei contenta, ok?».

Lo sapevo che non dovevo accorciarmi il ciuffo davanti: adesso come lo sistemo nell’acconciatura da sposa?

20 commenti:

Fra ha detto...

bè a parte alcuni trascurabili intoppi direi che la missione è riuscita perfettamente ;D
bacio
fra

La Ire ha detto...

...vuoi vedere che ti stai sderelittendo???????

bombamagagna ha detto...

ahahahah, pensieri stupendi! :D tutti uguali sti cavernicoli, mio marito neanche si accorge se gli esplodo di fianco :(

GMAIL ha detto...

@CALLISTA : ma la tua meraviglia
lo legge il blog ?

GMAIL ha detto...

@callista:devo fare i complimenti
alla tua prosa che è davvero ritmica
e brillante

Erica ha detto...

Si ma tanto gli uomini sono tutti così! Però alla fine è andata bene dai!

Anonimo ha detto...

心安居家看護
心安居家看護中心提供:看護居家看護照顧醫院看護照顧,是合法登記專業看護中心,為政府立案,希望給客戶滿意照顧病患,緊急臨時找看護,上網關鍵字,奇摩yahoo或中華Google心安居家看護中心,醫院看護-台大、國泰、中華、慈濟、三軍、榮總、馬偕教友、陽明醫院、皆可服務陽光看護,照顧細心,慈愛心,關懷心。

看護居家看護看護中心看護照顧定期看護短期看護>>>參考網站

Grace Duck ha detto...

hahahahaha ma dai tanto il ciuffo ricresce presto!!! giusto in tempo per il matrimonio ;D
la vostra papera ha difficoltà a scrivere xkè ha lo smalto fresco, si sta preparando al patibolo...del suo compleanno :$ giorno balordo anke x una quasi derelitta!!!! XD
baci!!

Anonimo ha detto...

提供最佳的十大生活資訊與分享:
你知道哪裡有好吃的蛋糕嗎!
你知道白蟻如何防治嬤!
汽車隔熱紙一定是越貴越好嬤!
哪一種棧板是具有環保!
台中哪一家整形醫師縫雙眼皮最讓妳滿意!
關鍵字的搜尋行銷要領
如果要高雄旅遊,讓我告訴你高雄縣旅遊觀光景點
會計事務所到底是做哪些事!
長期照顧老人看護要如何選擇
哪裡可以選到價廉物美的服飾批發!

Anonimo ha detto...

整形 柴犬
外籍新娘 肉毒桿菌
網路行銷 網站排名
汽車旅館 保健食品
整形外科 台中住宿
高雄旅遊 日系服飾
瑜珈教室 居家看護
扭力板手 chocolate

Baol ha detto...

beh...ma come cavolo ha fatto a resistere, lui?

(non intendo al caldo, intendo a te ;) )

Anonimo ha detto...

Sei sempre la numero 1! Che grazia, che eleganza, che self-control....io al mio amore lo faccio dormire a 21 gradi di aria condizionata e poi lo maltratto perchè ha la sinusite. Però ti giuro che avevo cominciato con la tua stessa sollecitudine....eh, le delicatezze della vita di coppia...

Anonimo ha detto...

P.S. Sparate al cinese!

Callista ha detto...

@fra: infatti! Orgogliosamente lo riconosco! ;-)
@la Ire: naaa, la derelitta rimane derelitta a prescindere. Non è uno stato esterno, è una forma mentis!
@bombamagagna: l'esplosione mi ha fatto morire dal ridere... ;-)
@gmail: grazie per i complimenti: comunque le meraviglie non lo leggono il blog. Manco sanno che esiste, sennò che gusto ci sarebbe?
@erica: ehhh, ma c'è tempo per ritornare dalle stelle alle stalle... Ormai siamo vaccinate!
@grace duck: auguriiiii... lo smalto ha retto alla scrittura commento?
@baol: in effetti me lo sto chiedendo ancora... Allora, ci si vede in salento?
@anonimo: ahahahhah... forse ci devi insegnare qualcosa?

Per tutti: per neutralizzare il cinese molesto, abbiamo attivato la verifica commenti: portate pazienza per un pochino.
Baci baci

mina ha detto...

io sono come la tua meraviglia se non è tutto buio non riesco a dormire ma contro il caldo apro tutto!!...però è andata bene!!..in bocca al lupo!!

Kristina ha detto...

Ah Cally ti capisco, succede pure a me con il mio futuro marito, ma io ho risolto col ventilatore a manetta.... e se ha qualcosa da dire lo mando a dormire sul divano ;)

Pappina ha detto...

Cielo Cally, quanti sorrisi che mi hai strappato!
[sarà per questo che ora sono senza denti?]
Baci!

GMAIL ha detto...

@callista dici ' le meraviglie' ...
la tua simpatica poligamia incomicia
a intrigare :-)

come attitudine non c'è male
potreste porre le basi un partito una corrente dell' upt :) (piu' serio
di quello che sembra...)

non sono un fan di facebook ma questo
blog sta' anche su facebook?

Anonimo ha detto...

certo che questo è il blog di batcallsta e robmafalda se neanche
i vostri intimi conosco il blog..

GMAIL ha detto...

opppssss...credo di aver capito con
ritardo (il mio cervello gira lento)
che i tuoi 'meravigliosi' li intendevi in senso diacronico non sincronico...se ho capito bene
quindi senza contemparaneita' e senza poligamia...

tradizionalista ! :)